Spending Review, tagli per 20 miliardi. Forse.

Il commissario alla Spending Review, Carlo Cottarelli, ha pronta la ricetta: 20 miliardi di tagli alla spesa pubblica per il 2015. Ora la palla passa al Governo Renzi, che dovrà analizzare la proposta e decidere se approvarla così com’è – quasi impossibile – o rivederla – cosa decisamente probabile – magari al ribasso. Sì, perché le lobby si sono già attivate per cercare di diminuire l’impatto della Spending Review.

I tagli, però, sono indispensabili. In Italia la spesa pubblica è di circa 800 miliardi di euro – il Prodotto Interno Lordo, per intenderci, è meno del doppio – così ripartiti: 300 miliardi per le pensioni, 150 per gli stipendi dei dipendenti pubblici, 90 per i consumi intermedi, solo 50 per gli investimenti e il resto va in incentivi vari e interessi sul debito.

Difficile che gli enti locali accettino questi tagli, anche perché di solito lì ci finiscono politici trombati e amici degli amici. Si parla inoltre dell’accorpamento degli organismi di difesa, dato che secondo il premier Matteo Renzi “cinque corpi di polizia sono troppi”, anche se il processo è irto di difficoltà e di resistenze da parte degli organismi stessi.

Lascia un commento

Copyright © 2017. All Rights Reserved. Guadagnare Opzioni Binarie | Flytonic Theme by Flytonic.