Sergio Marchionne, addio a Fiat nel 2018

Bloomberg Businessweek ha intervistato Sergio Marchionne, numero uno di Fiat, che ha confermato le voci che si rincorrevano già da tempo: una volta portato a termine il piano quinquennale (obiettivo: 7 milioni di auto vendute in tutto il mondo), lascerà la guida del gruppo. Questo avverrà dunque nel 2018, cioè fra altri tre anni abbondanti.

Era il giugno del 2014 quando Marchionne subentrò alla guida della Fiat, portata alla fusione con Chrysler – seppure tra mille polemiche. Il dirigente potrà contare su un piano di investimenti da 48 miliardi di euro per rilanciare il marchio Alfa Romeo e sviluppare quello Jeep, per fare in modo di vendere 1,9 milioni di modelli di un brand che ‘tira’ parecchio solo negli Stati Uniti d’America.

Ma chi sostituirà Marchionne nel 2018? Sicuramente non John Elkann, presidente del Lingotto, che ha spiegato sempre a Bloomberg Businessweek come tra i candidati non appaia il suo nome. Si parla di Richard Tobin di CNH Industrial, Alfredo Altavilla di Fiat, Mike Manley di Jeep e Cledorvino Bellini di Fiat Brasile.

Lascia un commento

Copyright © 2017. All Rights Reserved. Guadagnare Opzioni Binarie | Flytonic Theme by Flytonic.