Nuove tasse, lavoratori autonomi bastonati

La Confederazione Generale Italiana dell’Artigianato lancia il grido d’allarme: il nuovo anno rappresenterà una vera e propria bastonata per alcune categorie di lavoratori italiani, principalmente gli autonomi (iscritti alla sezione separata dell’Inps) e gli automobilisti quali trasportatori, agenti di commercio, tassisti e via dicendo.

La CGIA fa notare come il governo Renzi abbia imposto 12 aumenti ad altrettante voci:

– Acqua potabile
– Benzina e gasolio
– Multe per violazione codice della strada
– Tasse automobilistiche
– Pedaggi autostradali
– Birra e alcolici
– Iva sull’acquisto pellet
– Contributi previdenziali per artigiani e commercianti
– Contributi previdenziali gestione separata Inps
– Tasse sui fondi pensione
– Tasse sulla rivalutazione Tfr
– Riduzione esenzioni sui capitali percepiti in caso di morte (con assicurazione sulla vita)

La botta più significativa la sentiranno i freelance, cioè chi non è iscritto ad alcun ordine o albo professionale (il cosiddetto popolo delle partite IVA), visto che l’aliquota per la gestione separata dell’Inps salirà dal 27,72% al 30,72%.

Lascia un commento

Copyright © 2017. All Rights Reserved. Guadagnare Opzioni Binarie | Flytonic Theme by Flytonic.