HTC: i licenziamenti negli USA fanno scendere il titolo in borsa

La HTC Corp ha licenziato circa il 20 per cento del suo personale negli Stati Uniti con una mossa che è stata ritentuta necessaria per “snellire le operazioni” dopo un momento di crescita dell’azienda.

La decisione ha avuto come effetto immediato quello di far scendere il valore delle azioni della società.

Il produttore di smartphone taiwanese, che al momento sembra vivere un momento di difficoltà dopo il lancio (non straordinario)  del suo ultimo prodotto, il tecnologicamente avanzatissimo HTC One, ha giustificato il licenziamento di 30 dipendenti il avvenuto lo scorso venerdì spiegando come questo si fosse reso necessario per “ottimizzare la nostra organizzazione e migliorare l’efficienza, dopo diversi anni di crescita aggressiva”.

Le azioni della società sono scese del 4 per cento nel corso dell’apertura dgli scambi di Lunedi.

In passato HTC ha avuto circa 150 dipendenti negli Stati Uniti – il suo più grande mercato fino allo scorso anno – prima di procedere con una serie di licenziamenti che hanno toccato anche dirigenti di marketing e di design.

La società ha detto in una dichiarazione che avrebbe intenzione di “continuare ad assumere in aree strategiche”.

I licenziamenti degli Stati Uniti rappresentano comunque una minuscola frazione della forza lavoro globale di HTC che conta circa 17.000 persone.

Le vendite di HTC di quest’anno sono scese del 31,5 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Secondo alcuni analisti qeusto sarebbe dovuto ad una saturazione del mercato degli smartphone di fascia alta.

Lascia un commento

Copyright © 2017. All Rights Reserved. Guadagnare Opzioni Binarie | Flytonic Theme by Flytonic.