800 euro per tutti: la Finlandia valuta il reddito di base

800 euro per tutti: la Finlandia valuta il reddito di base

Mentre in Italia si comincia a parlare di reddito di cittadinanza, in Finlandia si fa avanti l’idea di copiare il test attualmente in corso in alcune città olandesi e di attribuire un reddito di base a tutti i cittadini maggiorenni: si parla di una cifra di 800 euro mensili.

Il reddito di base andrebbe a sostituire la vasta gamma di assegni sociali (congedo parentale, disoccupazione, maternità e così via): a riceverlo sarebbero come detto tutti i cittadini maggiorenni, a prescindere dalla condizione famigliare, economica o lavorativa.

La proposta dovrebbe essere presentata nel giro di un anno e, secondo il primo ministro Juha Sipila, servirà a snellire e semplificare il sistema burocratico, oltre ad agevolare la flessibilità lavorativa.

Il costo? Piuttosto alto. Si parla di 52,2 miliardi di euro. Una cifra che, per dire, sarebbe superiore rispetto alle entrate finlandesi del 2016, che dovrebbero ammontare a circa 49,1 miliardi di euro.

 

Giovanni Angioni

Non ci sono commenti